Diario di viaggio, prima tappa a Palermo

img

di Paola Caramadre e Antonio Nardelli

Il buio della notte ha avvolto tutto intorno a noi. All’orizzonte due luci. Piccole minuscole. Si alternano e non riesci quasi a distinguere il loro segnale. In cabina stralci di Umanità si affannano ancora a consumare le ultime forze. Il silenzio non è mai totale.

In viaggio sul traghetto Napoli - Palermo
In viaggio sul traghetto Napoli – Palermo

In sottofondo le voci che si inseguono da due monitor accesi e più in profondità il rombo sordo e costante dei motori che si confonde con il muggito del mare. Riposiamo in qualche modo, anche se non è facile non per la scomodità della situazione, ma per l’ansia crescente. Non possiamo perderci l’alba sul mare. Le prime luci ci spingono ad uscire sul ponte. Assistiamo alle manovre dei marinai, scrutiamo l’orizzonte ed ecco Palermo.

alba-traghetto
L’alba sul mare poco prima di sbarcare Palermo

Ci vengono in mente i film ambientati qui come “Dimenticare Palermo” o “Palermo Shooting” mentre aspettiamo di sbarcare. Tutto va nel migliore dei modi.

La città ci aspetta. Il centro storico si annuncia con straordinarie creature arboree che lasciano senza fiato.

Il ficus macrophylla di piazza Marina
Il ficus macrophylla di piazza Marina

Il ficus macrophylla di piazza Marina che disegna bizzarre creature altrettanto cinematografiche. È ancora presto. La crema di pistacchi nascosta in un cornetto è il dolce benvenuto che ci meritiamo.

Iniziamo il cammino. Strade lastricate e ampie, vicoli, palazzi decorati, merlature di fortezze arabe, ricami di corti normanne, palme, parchi, chiese in cui si stanno svolgendo riti bizantini. Tutto ci sovrasta, ci incuriosisce. Anche il caldo. La cappella Palatina è un sogno d’oro, piazza Pretoria è un bestiario di pietra e acqua.

La cattedrale di Palermo Santa Vergine Maria Assunta
La cattedrale di Palermo Santa Vergine Maria Assunta

Le librerie, le gioellerie, la bellezza della Cattedrale, i richiami dei negozi, le cartoline, le ceramiche, il profumo dei cibi e la parlata della gente ci fanno vorticare fino a confonderci del tutto.

Piazza Pretoria
Piazza Pretoria

Tutto l’insieme contribuisce a spezzare i pregiudizi che ci portiamo dietro, le immagini codificate di un determinato luogo. Le scritte sui muri scardinano tutte le idee preconcette, anche quelle più resistenti. Cari, misteriosi autori di muri parlanti palermitani siete la voce che speriamo di incontrare.

porta-nuova-palermo
La Porta Nuova a Palermo vicino Palazzo dei Normanni
stampa
Tag:, , ,

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi