L’infinito di Giacomo Leopardi in varie lingue oggi a Napoli per i 200 anni della poesia

img

…E il naufragar m’è dolce in questo mare”, un mare di lingue e culture diverse che si sono incontrate seguendo i versi immortali de L’infinito di Giacomo Leopardi.

Nel Parco Vergiliano a Piedigrotta, da dove si scruta il mare di Mergellina, nella grotta naturale che fa da proscenio alla tomba del poeta recanatese è andata in scena la poesia.

La poesia autentica, quella che unisce, che ricerca, che coltiva speranze. L’iniziativa realizzata in occasione delle Giornate d’autunno del FAI è stata contraddistinta, nella prima parte, da una lettura drammatizzata de L’infinito di Giacomo Leopardi a cura di Arianna Ricciardi e Rossella Massari della Compagnia Vernicefresca Teatro.

La seconda parte dell’iniziativa ha assunto i colori dell’integrazione e della reciproca conoscenza attraverso il FAI ponte di culture della delegazione di Napoli. Un momento che è stato toccante e suggestivo.

Pablo Ramirez, originario del Guatemala e referente del progetto FAI ponte di culture ha spiegato il senso di questa iniziativa in modo semplice e nello stesso tempo affascinante.

Ogni interprete ha trasmesso nella propria lingua madre i versi di Leopardi proprio in occasione dei 200 anni de L’infinito, la poesia per eccellenza capace di dialogare con l’interiorità di ogni lettore in qualunque tempo.

Una lettura corale in cui nel silenzio quasi solenne del momento, si sono susseguite le voci di Graça che ha declamato in portoghese, Adriana in inglese, Krystyna in polacco, Carmen in rumeno, Kristina in ucraino, Dandio, originario del Senegal, ha presentato la sua traduzione in wolof, così come ha fatto Fousseyni, originario del Mali, che ha declamato L’infinito in lingua bambara e Jomahe dell’Ecuador in spagnolo.

A chiudere la significativa manifestazione la lettura in italiano della stessa poesia attraverso la voce di Bruna dell’associazione La Mescolanza.

Una giornata di festa e di partecipazione sotto il sole caldo di Napoli in cui i volontari del FAI e in particolare del progetto FAI ponte di culture hanno saputo far vibrare l’anima più profonda della poesia in un luogo di grande fascino dove riposano i poeti Virgilio e Leopardi.

stampa
Tag:,

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi