Site icon Tantestorie.it

Mi hai fatto tremare

di Laura De Santis

Non mi piace stare da solo in casa. Soprattutto adesso che ho quasi dodici anni. Non mi piace affatto restare da solo a pensare ai fatti miei, a vivere di ricordi.

Quando sto per rimanere da solo, lo intuisco subito. Me ne accorgo da come si comportano Omar e Camilla. Soprattutto lei mi guarda con una certa dolcezza e mi offre cibi più ricercati. Ormai li conosco bene e so quando stanno per lasciare la casa. 

Mai una volta che si decidano a portarmi con loro. Mi fanno rimanere in queste stanze nella penombra, senza la televisione accesa o almeno la radio. Mi condannano a stare in solitudine nel palazzo che resta ugualmente vuoto. Per cinque minuti al giorno viene Elsa. Viene tutti i giorni, mi porta il cibo e non mi fa nemmeno compagnia mentre mangio, si gira e se ne va. Almeno restasse un po’ a farmi le carezze, almeno mi tenesse un po’ in braccio. Sarò anche anziano, ma sono un sentimentalone. 

La cosa che mi fa arrabbiare di più è che Omar e Camilla se ne vanno in estate quando il palazzo si svuota per le ferie e a dicembre quando tutti festeggiano il Natale e il capodanno. E io che faccio? resto solo in casa, senza nemmeno i termosifoni accesi quando voglio io. Quest’anno è stato più difficile degli altri anni. Soprattutto la notte del 31 dicembre. Io me ne stavo solo soletto rincantucciato nella mia tana, tra le coperte e i cuscini per cercare di resistere al freddo e alla tristezza, quando ho sentito un boato che ha fatto tremare i vetri. Al primo scoppio mi sono nascosto sempre più profondamente nella mia cuccia, al secondo, ancora più forte, ho cercato di tirare fuori la testa e capire qualcosa di più. I miei antenati parlavano della guerra e ho pensato che fosse arrivata la guerra anche per me. Ho iniziato a tremare, ho avuto paura e ho gonfiato tutto il pelo. Fino a quando non ho sentito la chiave girare nella serratura e allora ho temuto il peggio e invece… Invece erano Omar e Camilla. Mentre fuori esplodeva tutto la voce di lei mi chiamava. “Tesoro piccolo, buon anno, micino caro”. Ci ho messo un po’ a calmarmi, ma alla fine è stato proprio un bel capodanno!

stampa
Exit mobile version