Site icon Tantestorie.it

Mediterraneo amaro

Quel mare della mia infanzia, fatto di trasparenze e seduzioni; quel mare che apriva il mio sguardo ad altri orizzonti, a desideri, a scoperte, ad avventure.

Quel mare che ho continuato ad amare e a sognare nella lontananza.

Quel mare si è fatto amaro nel presente, in questo presente di illusioni, speranze disattese, vite rubate.

Questo mare che non è più abbraccio, conoscenza, fatto amaro dall’egoismo e dall’indifferenza.

Quel mare-madre, liquido di vita e di rinascita, ora rosso di sangue, non di coralli o di stelle marine.

Quel mare culla di civiltà e di leggende di cui parla la Storia ed il ricordo.

Non più luogo di sogni, fatti incubi.

Ultimo approdo dell’umano patire.

stampa
Exit mobile version