Come con una scarica elettrica improvvisa

di Susan Moore Come con una scarica elettrica improvvisa. Occhi spalancati nel buio. Se ne era dimenticata! era sempre stata distratta, almeno così diceva. Per ovviare al fenomeno, aveva messo…

Primavera

di Susan Moore Primavera: stagione incerta, quindi comune. Non l’aveva mai amata. Non sapeva come vestirsi. Era già un problema. Entrò sicura nel parallelepipedo fumoso. Nuda, ascoltò l’acqua bollente cadere…

Buona notte Mamma

di Susan Moore 07/09/1922 – 14/12/1991 E’ strano capire una vita in una sera. E pare un incipit di una poesia, ma è vita. Ho faticato a lasciare morbide le dita;…

Come posso chiamarti

di Susan Moore Come posso chiamarti? Devo darti un nuovo nome. La nostra città fornisce nomi precisi: per classe e per censo. Abbiamo centinaia di Patrizia e Paola della mia…

Conosceva il tradimento

di Susan Moore Lo aveva frequentato da sempre. Lo aveva Incontrato in quei pomeriggi oscuri di feste di adolescenti travestiti da adulti che tradivano. Tradivano amori non ancora sbocciati, tradivano…