La biblioteca

di Natalia Costa Ogni volta che varcava quella soglia, Lucrezia, assaporava quel profumo. Fino a quando non sentiva tirare qualcosa in gola, non mollava. L’odore di chiuso e di pagine…

Le ciliegie

di Natalia Costa Ho afferrato quelle ciliegie, le ho staccate dal ramoscello, tenendolo con una mano. Un po’ rosse, un po’ bianche. Mi sono chiesta: saranno pronte? Ne ho lisciato…

La collanina con le perline rosse

di Natalia Costa Lo chiamavano Salim. Avevano appena capito il suo nome i due “caporali” che aprirono lo sportello del pullman quella sera di luglio. C’era un piazzale e due…

Gli occhi veri

di Natalia Costa Matteo è un bimbo dagli occhi grandi e profondi. Di quelli che luccicano e sorridono. È bellissimo. Osserva attentamente il Mondo intorno a sé, fissa i paesaggi…

Nulla può impedirci di sognare

di Natalia Costa Sandra sollevò lo sguardo verso il cielo. Era così bello e terso, quella mattina. I suoi occhi grandi e marroni si persero improvvisamente in pensieri sereni. Si…

Il dolore

di Natalia Costa Ogni giorno trascorreva uguale agli altri. Da quel maledetto venerdì, esattamente di due anni prima, per Fiamma, ogni mattina aprire gli occhi e scendere da quel letto, …

La vacanza e l’autista simpatico

di Natalia C. Silvia era appena uscita dall’agenzia viaggi. Aveva saldato il conto. Salato. Ma pur di staccare la spina aveva deciso di andarsene in vacanza. Lei con Susy. Poche…

I ricordi della soffitta

Di Natalia C. La polvere ormai faceva quasi rumore. Clarissa continuava a starnutire ma non si fermava neppure un momento, se non per soffiarsi il naso. Sistemava con cura della…

Il rapitore scaltro e Ludovica

di Natalia C. Restare seduta appena pochi minuti nella veranda posta all’ombra del suo piccolo giardino era il massimo del relax per Ludovica. La vita scorreva così velocemente che lei…