Pubblicato in storie vere

Marianna Mattiocco, la modella di Cassino ritenuta la donna più bella di Francia

Marianna Mattiocco, la modella di Cassino ritenuta la donna più bella di Francia Ritratta dai maggiori artisti dell'impressionismo francese e moglie del pittore John Peter Russell Pubblciato il 02/04/2017

Madame Russell Aux Amandiers - Marianna Mattiocco

di Paola Caramadre
Il volto è bellissimo, l’espressione tesa e determinata di un guerriero in battaglia, le forme strette in maglie di ferro e corazza. La statua equestre di Giovanna d’Arco in place des Pyramides a Parigi racconta una storia sotterranea, è il simbolo di una straordinaria vicenda umana che lega il mondo dell’arte più innovativa a cavallo tra 1800 e 1900 con Cassino. La modella che ha incarnato la pulzella d’Orleans ha un nome, Marianna Mattiocco, e un racconto di vita che trae origine dall’antica terra di lavoro.

Della fortuna delle modelle e dei modelli italiani in Francia tra la seconda metà del 1800 e l’inizio del 1900 ne abbiamo parlato grazie a Cesare Erario e al museo Accademia Vitti che ha realizzato ad Atina in cui sono raccolte le testimonianze delle sorelle Caira, che da modelle sono diventate promotrici della prima accademia d’Arte parigina al femminile.

La storia di Marianna Mattiocco, nata a Cassino il 2 giugno 1865, è una di quelle vicende dimenticate, di cui la sua terra d’origine ha perso le tracce quasi del tutto. Eppure, Marianna è stata definita la donna più bella di Francia, ha legato la propria vita ad artisti di fama mondiale, il suo volto è stato immortalato da Rodin che l’ha scelta come modella per i suoi volti di donna, è stata la moglie di John Peter Russell, pittore di origini australiane, e l’unico ad aver dipinto il volto dell’amico Vincent Van Gogh.

Marianna arriva a Parigi giovanissima e inizia a frequentare gli atelier dei pittori di maggior fama del momento come modella. Era uno dei volti preferiti di artisti del calibro di Auguste Rodin, Monet e Emmanuel Frémiet e proprio in questo ambiente avviene l‘incontro con John Peter Russell. I due si innamorano e nel 1888 si sposano. Il loro mondo è l’impressionismo francese e la loro cerchia di amici è formata da Vincent van Gogh, Paul Gauguin, Henri Matisse, McKnight. Marianna Mattiocco posa per loro, le opere modellate sulle fattezze del suo volto e del suo corpo sono sparse in tutto il mondo. Alla fine del 1888, la coppia felice lascia Parigi per trasferirsi a Belle Ile, la più grande isola della Bretagna, in una casa-castello, conosciuta come le Chateâu de l’Anglais. 

Il 30 marzo 1908, ad appena 42 anni, Marianna Mattiocco si spegne a Parigi. Il suo volto resta in eterno il simbolo del fermento culturale della Parigi impressionista.

Grazie all’impegno dei pronipoti, lo scrittore e poeta francese Claude-Guy Onfray e lo scrittore Ezio Mattiocco di Sulmona, gradualmente, è cominciata a riemgere la storia di questa donna bellissima con l’intento di riannodare il legame con la sua terra d’origine. A Cassino, Edoardo Grossi, appassionato d’arte e di storia locale, ha sostenuto la proposta dei congiunti di intitolare una strada o una piazza all’illustre modella. La richiesta è stata depositata nel 2015, in occasione dei 150 anni della sua nascita, affinché si desse concretezza ad un omaggio all’arte e alla bellezza. La richiesta sembrerebbe essere rimasta ancora inascoltata.

Nel frattempo, in molti hanno compreso l’intensità e la straordinarietà di questa vicenda, e con sempre maggiore curiosità si è tornati a parlare di Marianna Mattiocco, la donna di Cassino ritenuta la più bella di Francia.

Comments

comments

tag:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi