Diario di viaggio siciliano, Castellammare del Golfo

img

di Paola Caramadre e Antonio Nardelli

Siamo lontani, lontani dalle certezze, dalla routine. Siamo lontani, immersi in una frontiera di tufo e sabbia, siamo circondati dal mare e abbiamo reazioni divergenti. Il paesaggio è ambivalente nelle nostre impressioni. E’ amico e nemico, complice e indifferente.

La playa di Castellamare del Golfo
La playa di Castellammare del Golfo

Siamo in un luogo che affascina l’uno e respinge l’altro. Il porto turistico appare indolente e pigro, le persone che incontriamo socievoli, curiose e miti. Tutti ci chiedono da dove veniamo con un sincero interesse. Castellammare del Golfo cambia volto di sera. Le strade del centro storico si animano, diventano una fiera di luci, voci, richiami, gelati, granite, birre ghiacciate.

Castellamare del Golfo e il porto con la torre normanna
Castellammare del Golfo e il porto con la torre normanna

Anche qui, come a Palermo, i giardini pubblici ospitano alberi monumentali. Con il favore della notte Castellammare del Golfo diventa una piacevole sosta. L’ospitalità cambia la percezione dei luoghi. In poche ore riusciamo ad ambientarci, le scalinate ci diventano facili, il centro storico ci appare mutato e accogliente. Il sapore sensazionale di una frittura di pesce ci conquista e l’assaggio della caponata ci delizia. Aspettiamo di incontrare altri sapori. Speriamo di assaporare presto la ricotta dolce, le cassatelle e i cannoli. Aspettiamo di lasciarci irretire dai sapori dell’isola.

Ma ora siamo stanchi. Non possiamo che andare a riposare sognando il mare che prima o poi ci verrà incontro.

stampa
Tag:, , ,

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi