Posted in storie brevi

Un’estate da vivere

Un’estate da vivere Posted on 13/07/2017

di Bruno Di Placido

Colgo dai vostri sorrisi che è un’estate da vivere.
Ma io non mi faccio sentire perché questa non è la mia stagione, non lo è mai stata. Declino giorno dopo giorno i numerosi inviti di amici.

Mi dispiace, non vuole essere un affronto nei vostri confronti che pur tanto meritate. È un’estate da vivere, ed io la vivo, a modo mio.

Chi mi conosce sa che sono compagnone quanto basta, ma sa anche che non amo la frenesia che le tante sagre, le innumerevoli attività e le lunghe giornate impongono. Non reggo il ritmo.

Amo il mare, un po’ meno la spiaggia. Mi piacerebbe la piscina se sapessi nuotare, andrei a cavallo se non avessi problemi di postura. Correrei dietro ai tanga se fossi un donnaiolo.

Mi farei spiegare dai gabbiani cosa provano a percorrere ogni giorno lo stesso tragitto. Ecco, sarei un gabbiano che vola oltre la superficie, per osservare dall’alto quale direzione stiamo prendendo.

Vi porterei sulla mia barca se l’avessi. Solcherei i mari più belli e sosterei in tutte le coste del mondo. In ogni mare c’è un pescatore che alla sera torna a casa stanco della lunga giornata, in ogni porto c’è uno scaricatore a ricordarci che il mare è azzurro per tutti. A loro chiederei il resoconto della vita.

Vorrei ma non posso. Intanto amo la spuma del mare che lambisce le mie caviglie, mi inebria l’odore di salsedine. Mi giungono lontani olezzi di fritture di pesce.

Rientro nel mio quotidiano, c’è poca gente. Non sono un solitario, è il ritmo che impone l’estate a non piacermi. Dicono che le giornate siano più lunghe ma a me sembrano più corte.

Mi godo con i miei cari il silenzio dell’anonimato che più mi aggrada. Sono solo, in compagnia dei miei affetti e lontano dal frastuono della civiltà. Solo qualche amico, che è riuscito a scovare piccoli pregi nella pletora dei miei difetti, può permettersi di profanare il mio riposo.

Mi piace, comunque, che continuiate a sorridere e a sognare anche per me, in attesa di rivederci nella bella stagione, la mia stagione, quando la rugiada avvolge nel silenzio i primi tralci verdi.

Leggi anche:

Odio l’estate di Giuditta Di Cristinzi Odio l’estate. Da sempre. D’estate fa caldo, l’aria è torrida afosa appiccicosa. Chiudo gli scuri e resto così, pigra, per...
Intervista a San Francesco di Bruno Di Placido Siamo in Umbria, ad Assisi per la precisione. Ci troviamo in compagnia di Francesco di Bernardone, il personaggio del momento. ...
La coscienza di Bruno di Bruno Di Placido La coscienza di Zeno è un romanzo di Italo Svevo. Il protagonista, Zeno Cosini, racconta la sua vita soffermandosi in particol...
La festa di paese di Bruno Di Placido La festa di paese è dire io ci sono. La festa di paese è a ognuno la festa che merita. La festa di paese è tutto e il contrario...
Al corso prematrimoniale di Bruno Di Placido Miciotopo e Stellina decisero di sposarsi in chiesa. Si iscrissero al corso prematrimoniale, che frequentarono insieme ad altre...
Il foglio bianco di Bruno Di Placido Sono uno scrittore. O meglio, un aspirante scrittore. Devo dirvi la verità, tanto ve ne accorgereste da soli. Ve ne accorgereste...
Ponti di empatia di Bruno Di Placido «Giorgia, tu sei unica, sei tra le poche persone che conosco capaci di costruire ponti di empatia!». Giorgia prima si imporp...

Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi