Posted in storie brevi

Segno zodiacale: scorpione

Segno zodiacale: scorpione Posted on 10/07/2017

di Giuditta Di Cristinzi
La prima volta che mi imbattei in Fidelia fu circa trent’anni fa, nello spogliatoio della palestra delle scuole medie. Non sapevo nulla di lei. Si chiacchierava, così tra ragazze, ognuna diceva la sua, raccontava qualcosa di sé, le prime esperienze coi ragazzi.

La colonna sonora del momento era La mia banda suona il rock di Ivano Fossati. Lei la sapeva a memoria, era intonata e ricordava tutte le parole. Subito si distinse. Accennò ad un’esperienza vissuta tempo prima, mi pare su una  spiaggia, di un sopruso subito e non volle dire altro.

La incontrai sette, otto anni dopo, nel periodo dell’Università. Spesso viaggiavamo insieme in treno. Poi convivemmo  per circa un mese, nella stanza che io avevo in affitto,  per studiare e preparare insieme un laboratorio di chimica. Aveva definitivamente formato il suo carattere.

Ostica, dura, chiusa. Sì, era cresciuta Fidelia, ma i centimetri anziché svilupparli in altezza li aveva messi tutti soltanto sui fianchi larghi e sul culo grosso e basso. Scura, capelli corti, dura. Guardava di sottecchi, giudicava. Qualcuno mi disse che aveva preso dalla nonna di cui portava il nome, Fidelia Spatano, una donna nota in paese perché maligna e pettegola. Certo, Fidelia o Delia, come amava farsi chiamare, ai geni aveva unito l’intelligenza, la scuola, la cultura.

– Io la gente la studio, l’ascolto, la peso, cerco di capire subito il suo  punto debole, il tallone d’Achille, mi disse una volta.

Rimasi così, esterrefatta, interdetta. Un modo di pensare, di argomentare così lontano dal mio sempre intenta a cercare di capire e soppesare solo me stessa.

– Perché? le chiesi. A che ti serve?

– Ma per capire il punto debole delle persone, rispose.

Ma perché? avrei voluto continuare a chiedere, a che ti serve capire la falla di qualcun altro, uno qualsiasi, non un nemico, un avversario. Il punto debole, cioè una fragilità caratteriale, esistenziale.

Era questo il suo modo di apprezzare la gente, di fare amicizia, di conoscere. Sapere il punto debole dell’altro, per fotterlo forse, per averlo sotto tiro, per potergli fare del male all’occorrenza o solo per difendersi. Una  forma di difesa o una  maliziosa cattiveria alla maniera della vecchia nonna?

Alla fine di laureò e cominciò ad insegnare in una scuola media. Non fece il chimico come aveva sperato per tutto il periodo  universitario.

Addio sogni di gloria.

Leggi anche:

Promessa di Giuditta Di Cristinzi Andando a piedi, nel cuore della notte, con le tue poche cose chiuse in fretta in una busta di plastica verde, verso casa ...
Odio l’estate di Giuditta Di Cristinzi Odio l’estate. Da sempre. D’estate fa caldo, l’aria è torrida afosa appiccicosa. Chiudo gli scuri e resto così, pigra, per...
L’ortolana di Giuditta Di Cristinzi L'ho rivista l'altra sera. Che brutta impressione mi ha fatto, povera Filomena. Quarantotto anni suonati e la resa dipint...
L’uomo che aveva fretta di Giuditta Di Cristinzi Cercò il nome sul citofono, con lo sguardo miope. Pigiò  un tasto. - Secondo piano, gracchiò  una voce maschile. U...
Ladro di baccalà di Giuditta Di Cristinzi La vedevo tutta intenta in cucina. Aveva messo a spugnare dei bei pezzi di baccalà nell’acqua fredda e io avevo sentito l’o...
Spesa a domicilio di Giuditta Di Cristinzi Claudio m’accompagna al supermercato. Mentre faccio la spesa per la cena di sabato, lui va al distributore a fare rifornimen...
Ti ho amato di Giuditta Di Cristinzi Ti ho amato e ti amerò ancora. Non lo so dove e quando. Forse è solo un sogno per non morire di inedia, di solitudine, di no...

Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi