Pubblicato in storie brevi

L’ombra è mia

L’ombra è mia Pubblciato il 31/07/2017

di Giuditta Di Cristinzi
Scauri, 10 agosto. Solleone. Lido Mariù. Ombrelloni attaccati l’uno all’altro. Prima fila.

La signora Lucrezia, tutta rifatta di fresco, si stende al sole, pigramente, mollemente. Un po’ di crema sul decolté, un massaggio alle cosce, spray nei capelli, stick sulle labbra.

E’ pronta. Sexy.

Il professorone romano, ombrellone accanto apre IL SOLE 24 ORE e vuole leggere.

All’ombra.

Ma il sole, come tutte le mattine, è nato ad est e non è ancora alto in cielo. Proietta l’ombra dell’ombrellone del prof a destra, nello spazio della signora Lucrezia.
– Permette, signora. Metterei la mia sedia qui, vicino a lei. Per poco, sa. La mia ombra è sotto il suo ombrellone
– Ma prego, professore. Faccia pure, venga da me. E nel pomeriggio che farà? Andrà sotto l’ombrellone del colonnello, a sinistra?

 

Leggi anche:

Sotto la toga… niente Giuditta Di Cristinzi Quella mattina saltasti su come un grillo, ti  preparasti velocemente, ma con cura. Certo lei ti  piaceva proprio, accendeva le...
Solo un panino e una birra di Giuditta Di Cristinzi Maria uscì di casa e si avviò verso la bottega di alimentari all'angolo. Entrò. Il negozio era vuoto. Adelina uscì fuori dal...
Promessa di Giuditta Di Cristinzi Andando a piedi, nel cuore della notte, con le tue poche cose chiuse in fretta in una busta di plastica verde, verso casa ...
Segno zodiacale: scorpione di Giuditta Di Cristinzi La prima volta che mi imbattei in Fidelia fu circa trent'anni fa, nello spogliatoio della palestra delle scuole medie. Non s...
Odio l’estate di Giuditta Di Cristinzi Odio l’estate. Da sempre. D’estate fa caldo, l’aria è torrida afosa appiccicosa. Chiudo gli scuri e resto così, pigra, per...
L’ortolana di Giuditta Di Cristinzi L'ho rivista l'altra sera. Che brutta impressione mi ha fatto, povera Filomena. Quarantotto anni suonati e la resa dipint...
L’uomo che aveva fretta di Giuditta Di Cristinzi Cercò il nome sul citofono, con lo sguardo miope. Pigiò  un tasto. - Secondo piano, gracchiò  una voce maschile. U...

Comments

comments

tag:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi