Pubblicato in storie brevi

Le stelle cadenti

Le stelle cadenti Pubblciato il 11/08/2017

di Paola Lombardi
– Hai visto? Non c’era motivo di avere paura. Se ripenso al tuo sguardo terrorizzato! Che ridere mi fa.

– La fai facile tu, tu l’hai già fatto altre volte, io mai!

– Su sciocchino, non te la prendere. La prima volta tutti hanno un po’ paura. Anche io, pensa un po’

– Anche tu? Io avevo paura di cadere e di farmi male. Poi magari di cadere e provocare un grande cratere che avrebbe distrutto tutto, le piante, gli animali, i pesci, gli uccelli, gli ins…

– Sì, sì ho capito. Me l’hai già detto ieri. Hai visto? Non è successo niente, e ammettilo che ti sei divertito!

– Sì è vero, quando ho sentito tutte quelle vocine da laggiù fare ‘oooohhhhh’ mi sono sentito proprio felice. Chissà perché ci guardano tutti?

– Perché sono uomini e amano i sogni. Sono come noi, in fondo in fondo, anche tu sogni no? Ieri quando avevi paura hai pregato la grande madre stella di proteggerti. Anche gli uomini lo fanno e pregano noi, la notte di San Lorenzo, di esaudire un loro desiderio.

– Tu… Ecco… Ne hai mai realizzato uno?

– No, noi siamo stelle, non esaudiamo desideri. Non essere deluso, noi scivolando sulla volta del cielo facciamo in modo che gli uomini credano fortemente nei loro sogni. Se ci credono veramente allora si impegnano per realizzare il desiderio che hanno espresso guardandoci.

– Allora se ti guardo posso realizzare anche il mio?

– E qual è il tuo desiderio?

Splendere tante e tante notti come questa e far credere gli uomini nei loro sogni anche nelle notti d’inverno, anche quando non è la notte di San Lorenzo. Vorrei sentire le loro vocine indicarmi e dire: Guarda una stella cadente

Leggi anche:

La dea dei gatti e delle donne di Paola Lombardi Un tempo lontano, in un paese remoto, viveva un popolo saggio. Presso questa terra, gli uomini prosperavano in libertà e armonia. Q...
La lacrima di Paola Lombardi E cosa ne sapeva Ernesto del mondo? Non poteva saperne niente. Nessuno poteva saperne niente. Ernesto andava e tornava, girava in...
I pensieri di Paola Lombardi "Come stanno i pensieri?", "Stanno bene, stanno bene..." I bambini gridano e ridono, ogni volta che incontrano la signora Anita. ...
Sensibilità di Paola Lombardi Le persone sensibili sono gusci molli di un'anima troppo liquida. Si sciolgono in lacrime, nel bene e nel male, si liquefanno in un...
Una candela di Paola Lombardi Accendo una candela per pregare. Nelle chiese ci sono tante piccole luci che brillano e si muovono al minimo soffio di vento. Sara...
La gita della domenica di Paola Lombardi "Dai, sei pronta?", "Sì, un attimo". Le mie domeniche iniziavano tutte così, quando ero bambina. La sveglia suonava prima di tu...
Tutti portarono fiori al poeta di Paola Lombardi Tutti vennero e portarono fiori. La notte sembrò meno buia, illuminata da migliaia di petali di ogni colore. Tutti vennero. Non ...

Comments

comments

tag:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi