Carissimo… me

img

di Laura De Santis

Carissimo,…”

No, non va bene… Devo pensare di più.

Oscar riprende carta e penna e ci riprova: “Mio caro…”, no, nemmeno così va bene. Com’è difficile scrivere una lettera! Appallottola il foglio bianco e ritenta. Non gli piace la sua scrittura. Pensa di avere una pessima grafia e si distrae. Non riesce a scrivere. Si alza e fa una passeggiata per casa. Scruta la strada dalla finestra e riflette. Sente che l’ispirazione è arrivata. Si illumina e torna alla scrivania. Con convinzione impugna la penna e comincia:

“Carissimo me,

Ho pensato di scriverti perché non riesco mai a parlarti preso da tante cose. Volevo solo dirti che mi dispiace tanto per tutte le occasioni che abbiamo perso e per tutte le volte che non abbiamo saputo prendere una decisione. Volevo ricordarti, però, che ci siamo anche divertiti molto. Ecco, volevo chiederti di scambiarci una promessa: promettimi che ci divertiremo insieme,

Con affetto e stima,

Io”

stampa
Tag:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi