Buona Pasqua

img

Gesù Cristo è morto in croce. Lui ha voluto così, ma io ci ho messo del mio.

L’ho tradito. L’ho tradito per trenta denari d’argento. Trenta miseri denari, il valore di uno schiavo. Ma forse non l’ho fatto nemmeno per soldi, visto che erano così pochi.

Ero geloso della sua bontà forse, oppure deluso da un Dio debole e perdente; io che in suo nome avrei messo a ferro e fuoco ogni angolo della terra.

Non so di preciso cosa mi sia passato per la testa, non ci ho capito niente. Ho fatto una cavolata, lo so. Anzi, una cavolata doppia perché dopo il tradimento mi sono tolto la vita; non sono stato capace di reggere il suo sguardo compassionevole e prendermi il perdono che spetta ad ogni uomo.

E questo sarà il mio tormento che mi accompagnerà per l’eternità. Io l’ho tradito per trenta denari. E voi per quanto lo tradite? Credevo che mai avreste potuto fare peggio di me.

Ho riso, ho pianto, ho fatto la guerra, ho deturpato l’ambiente, ho ucciso i miei fratelli, ho odiato, ho tradito. Ogni giorno. Ma sono stato capace anche di amare. È da ciò che possiamo ripartire.
Questa notte Cristo risorge. E noi con lui risorgiamo a vita nuova. Non fate come me, voi che siete ancora in tempo. Cercatelo, scovatelo in ogni dove. E che possiate trovarlo. Nello sguardo di un fratello che chiede aiuto, nel bisogno di un malato che non ce la fa da solo, in ogni essere vivente, nell’alternarsi delle stagioni che se ne vanno via. Lo so, è pesante. Ma mai come quella Croce che Gesù Cristo ha scelto di portare per noi. Buona Pasqua a voi tutti.
Io, Giuda Iscariota.

stampa
Tag:

Nato 49 anni fa a San Michele dove tutt’ora vive con la moglie Anna e i suoi due figli Barbara e Aldo. Impiegato presso l’azienda di famiglia da oltre vent’anni, riuscendo, nonostante gli impegni familiari e lavorativi, a coltivare diversi hobby. Appassionato di presepismo ha realizzato diversi corsi nelle vesti di maestro d’arte presepiale, tifoso e praticante di calcio, volontario della V.d.s Protezione Civile di Cassino, membro attivo del Consiglio Pastorale della parrocchia di S.Antonino, lettore e, da qualche anno, anche scrittore.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi