Cartoline dalla terra che forse esiste, il Molise che non immagini

img

Un libro è sempre un viaggio e in questo caso è un sentiero che si inerpica e si ammorbidisce nelle strade di una terra misteriosa e sorprendente: Cartoline dalla terra che forse esiste è un cammino attraverso l’immaginario molisano.

Il Molise narrato attraverso le voci di un coro composto da trentacinque autori diversi diretto da Francesco Giampietri che con sensibilità e attenzione ha saputo dare vita ad una antologia unica.

Cartoline dalla Terra che forse esiste è edito da L’Erudita della Giulio Perrone editore e racconta, con stili e registri diversi, luoghi ed emozioni. Una sorta di diario intimo di un territorio ancora da scoprire che raccoglie in sé tradizioni, impulsi di modernità, storia e storie che indagano l’anima delle persone e degli spazi.

Francesco Giampietri nelle vesti di curatore ha saputo trasmettere a tutti gli autori convocati per questo viaggio dello spirito lo stesso grado di entusiasmo e la stessa riconoscenza per un territorio che ha mille volti. I trentacinque autori sono Marilena Ferrante, Maria Assunta Prezioso, Antonella Sozio, Antonio Sorbo, Maria Luisa Tozzi, Federica Passarelli, Franco Avicolli, Tommaso Di Brango, Adelchi Battista, Roberto Colella, Giovanni Petta, Giuseppe Napolitano, Rita Frattolillo, Antonella Presutti, Patrizia Morlacchi, Nicola Gardini, Miro Gabriele, Gianni Spallone, Caterina Franceschini, Ida Di Ianni, Nadia Verdile, Rosalba de Filippis, Ester Tanasso, Simona Materi, Elvira Delmonaco Roll, Flora Luzzatto, Mauro Gioielli, Paola Caramadre, Gianluca Venditti, Vincenzina Scarabeo Di Lullo, Giuditta Di Cristinzi, Antonio Vanni, Giulio Ricci e Francesco Paolo Tanzj. Nel volume è stato inserito un brano dell’autore ed editore Amerigo Iannacone scomparso improvvisamente. In apertura, come viatico per il viaggio, è stata inserita una citazione di Giose Rimanelli ritenuto il più grande scrittore molisano scomparso qualche mese fa.

Un libro è un viaggio e l’antologia delle Cartoline dalla terra che forse esiste sarà anche un viaggio fisico attraverso le diverse presentazioni che si terranno nei vari luoghi raccontati. Il debutto non poteva che avvenire nella piccola città, porta del Molise, ovvero a Venafro questo pomeriggio alle ore 18.30 nella sala conferenze della Palazzina Liberty. Ci saranno gli autori e ci sarà Vera Cavallaro che insieme a Ludovico faranno delle incuriosi musicali e intermezzi recitativi. Nel corso della presentazione interverranno alcuni autori Paola Caramadre, Antonio Vanni, Elvira Delmonaco Roll, Maria Assunta Prezioso e ci sarà soprattutto il Molise con tutti i suoi mille volti.

stampa
Tag:,

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie anche di terze parti per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi